Dipartimento di fisica Home Web Mail Universita' degli studi di Parma Computer Palmari Telefonini WAP  
Seminario
"Lo smantellamento di una centrale nucleare: requisiti specifici, criticità e modalità operative nell'esperienza del decommissioning della centrale di Caorso"

Relatore: Ing. Sabrina Romani SOGIN S.p.A. Area Project Man
Note: Seminario di Dipartimento

Aula Newton- Dipartimento di Fisica
15 Giugno 2011 ore 11.00

Abstract
L’esperienza delle operazioni di decommissioning finora svolte nella Centrale di Caorso, di proprietà SOGIN, pone l’accento su alcuni aspetti di particolare rilevanza che differenziano profondamente lo smantellamento di una centrale nucleare da quello di un centrale convenzionale, in quanto tale esente da radioattività. Uno di questi è indubbiamente la tracciabilità dei materiali, requisito in base al quale deve essere possibile in ogni fase (rimozione, decontaminazione, controllo radiologico, allontanamento dal Sito) tenere traccia della provenienza dei componenti; si impone pertanto l’identificazione univoca dei singoli elementi; inoltre, considerato l’enorme numero di dati da gestire, sono stati implementati strumenti informatici tali da consentire uno smantellamento controllato, in cui ogni passaggio è possibile soltanto previa autorizzazione della funzione competente. Un ruolo centrale è rivestito dalla caratterizzazione radiologica dei materiali, volta ad individuare il contenuto di radioattività e a verificare il requisito di “allontanabilità” dei materiali dall’impianto. A questo proposito è stato necessario mettere a punto metodologie di misura che consentissero il raggiungimento dei livelli di sensibilità richiesti dalla normativa, in alcuni casi particolarmente stringenti. Altro aspetto rilevante è la produzione di rifiuti radioattivi, che deve essere contenuta e non portare al superamento del 75% della capacità di stoccaggio autorizzata. La multidisciplinarietà delle operazioni che concorrono a realizzare un progetto di decommissioning, fa sì che possano trovare spazio figure come quella del fisico, che si presenta sia come valido supporto a livello di progettazione delle attività di smantellamento, sia come fisico sanitario operativo che come Esperto Qualificato, ovvero la figura che, secondo la legislazione italiana in materia di radioprotezione, è abilitata a stabilire le misure necessarie a garantire la protezione dei lavoratori e della popolazione dai rischi da radiazioni ionizzanti.