Dipartimento di fisica Home Web Mail Universita' degli studi di Parma Computer Palmari Telefonini WAP  
Seminario
" Lo smantellamento di una centrale nucleare: requisiti specifici, criticità e modalità operative nell'esperienza del decommissioning della centrale di Caorso"

Relatore: Ing. Sabrina Romani, SOGIN s .p.a Area Project Management, Caorso (PC )
Note: Ciclo di seminari nell'ambito dell'insegnamento di Tecnologie Fisiche per l'Energia e l'Ambiente

Aula Newton
22 Maggio 2012 ore 16.30

Abstract
L’esperienza delle operazioni di decommissioning finora svolte nella Centrale di Caorso, di proprietà SOGIN, pone l’accento su alcuni aspetti di particolare rilevanza che differenziano profondamente lo smantellamento di una centrale nucleare da quello di una centrale convenzionale, quest’ultima, in quanto tale, esente da radioattività. Uno di questi è indubbiamente la tracciabilità dei materiali, requisito in base al quale deve essere possibile in ogni fase (rimozione, decontaminazione, controllo radiologico, allontanamento dal Sito) tenere traccia della provenienza dei componenti; si impone pertanto l’identificazione univoca dei singoli elementi e, considerato l’enorme numero di dati da gestire, l’implementazione di strumenti informatici tali da consentire uno smantellamento controllato, in cui ogni passaggio è possibile soltanto previa autorizzazione della funzione competente. Un ruolo centrale è rivestito dalla caratterizzazione radiologica dei materiali, volta ad individuare il contenuto di radioattività e a verificare il requisito di “allontanabilità” dei materiali dall’impianto. A questo proposito è stato necessario mettere a punto metodologie di misura che consentissero il raggiungimento dei livelli di sensibilità richiesti dalla normativa, in alcuni casi particolarmente stringenti. Altro aspetto rilevante è la produzione di rifiuti radioattivi, da prevedere in sede progettuale, che entra nel bilancio costi - benefici di una data attività insieme al costo economico, a quello dosimetrico, al maggior grado di sicurezza a cui si tende. Lo smantellamento degli impianti ed il futuro rilascio dei siti attraverso azioni di bonifica costituiscono operazioni innovative nel nostro Paese, svolte impiegando i migliori standard di sicurezza e competenze multidisciplinari in cui trovano anche spazio figure come quella del Fisico, specie per gli aspetti di radioprotezione dei lavoratori e della popolazione.